Skip to main content

Il tennis e il mal di schiena spesso vanno a braccetto, come ben sanno, purtroppo, tanti appassionati di questo sport. Quello provocato alla colonna vertebrale è infatti un disturbo piuttosto frequente tra coloro che praticano questa disciplina sportiva.

Per questo, per evitarlo è consigliabile osservare alcune specifiche indicazioni, come spiega il dottor Michele Albano, fisiatra, responsabile dell’Unità Operativa di Riabilitazione Ortopedica e Sportiva di Humanitas Gavazzeni Bergamo.

«Tra i punti dolenti del tennis – sottolinea il dottor Albano – c’è il fatto che è uno sport che richiede un’attività maggiore a un lato del corpo rispetto all’altro. In questo caso non ci sono movimenti ripetuti bilateralmente, come in altri sport come la corsa, il nuoto, ecc. Le sollecitazioni riguardano soprattutto una singola parte del corpo, quella che corrisponde alla mano che impugna la racchetta. Il braccio utilizzato è uno soltanto, l’altro ha il solo ruolo di aiutare la coordinazione».

Per saperne di più > gavazzeni.it