Mission

L'obiettivo del Galileo 18, grazie alla spiccata professionalità e alla sinergia tra il personale medico e fisioterapico presente in struttura, è quello di fornire la più alta qualità al servizio del paziente.
 

Sin dal primo incontro al Galileo 18 il paziente diventa parte integrante del nostro progetto che vede come figura centrale la cura e la salute della persona. Agevolare il reinserimento nella pratica delle attività quotidiane, innalzando cosi lo standard della qualità di vita del paziente, attraverso programmi individualizzati, è la nostra mission. L’elevata qualità della fisioterapia e della riabilitazione per il trattamento del dolore, il miglioramento della mobilità articolare e il ripristino della fisiologia dell’individuo sono garantiti dalla professionalità dello staff. Ci avvaliamo di un pool di medici (fisiatri, ortopedici, medici dello sport, neurochirurghi, anestesisti, specialisti in otorinolaringoiatria, odontoiatri, internisti, chirurghi dell’apparato digerente) e di un gruppo di terapisti della riabilitazione con molti anni di esperienza.

Le terapie sono svolte dopo la valutazione e la prescrizione del medico da personale fisioterapico costantemente aggiornato e qualificato, grazie al conseguimento dei titoli Accademici Universitari abilitanti all’esercizio della professione medica secondo la normativa vigente. Aspetto che riteniamo fondamentale per garantire un elevato standard qualitativo, la trasparenza necessaria e soprattutto la tutela della salute del paziente, spesso esposta ai seri rischi derivanti dalla pratica sempre più frequente dell’abusivismo in medicina e soprattutto in fisioterapia. Il paziente non può ricevere alcun trattamento senza avere la piena consapevolezza delle garanzie derivanti dalla qualifica dell’operatore e dai requisiti offerti dalla struttura ospitante.

Il lavoro di équipe e il confronto costante tra le varie figure professionali sanitarie, anche esterne alla nostra struttura, ci consentono di formulare una corretta e rapida diagnosi che rappresenta la base della riabilitazione. Spesso, infatti, un sintomo che per localizzazione e caratteristiche viene collegato ad una patologia ortopedica, nasconde una genesi o concausa di altra natura che, se non individuata, porta non solo al totale fallimento del percorso fisioterapico, ma espone il paziente al rischio derivante dalla natura (a volte grave) della patologia non riconosciuta.